CONTRIBUTO ATTIVITA’ ECONOMICHE IN CENTRI STORICI

CONTRIBUTO ATTIVITA’ ECONOMICHE IN CENTRI STORICI

CONTRIBUTO PER ATTIVITA’ ECONOMICHE E COMMERCIALI NEI CENTRI STORICI

 

Il D.L. 104/2020 cosiddetto Decreto Agosto all’art. 59  istituisce un contributo a fondo perduto per i soggetti che esercitano attività d’impresa di vendita di beni o servizi al pubblico nei centri storici (ed equipollenti) dei Comuni capoluogo di Provincia, o città metropolitane che abbiano registrato presenze turistiche estere:
– per i Comuni capoluogo di Provincia: in numero almeno 3 volte superiore ai residenti;
–  per i Comuni capoluogo di città metropolitana: in numero maggiore o uguale a quello dei residenti.
Vi rientrano Venezia oltre a Verona, Bologna, Padova, Rimini, Bergamo, Milano, Roma ecc.

 

Per accedere al contributo, fatturato e corrispettivi di giugno 2020 devono essere inferiori ai 2/3 del fatturato e corrispettivi di giugno 2019.
Calcolo del contributo: alla differenza dei 2 mesi di giugno 2020 e 2019 si applica la percentuale del:
– 15% con ricavi/compensi fino a 400.000 nel 2019;

– 10% tra 400.000 e 1 milione;

– 5% per valori superiori a un milione.
L’importo massimo è di 150.000 euro, mentre quello minimo è di 1.000 euro per le persone fisiche e 2.000 per i soggetti diversi.

 

 

dott.ssa Nilda Calza

——————————————————————————————————–

Si ricorda che le informazioni raccolte nelle nostre comunicazioni non hanno in alcun caso carattere esaustivo, sono solo indicazioni che abbisognano sempre di approfondimenti e di consulenze specifiche. In ogni caso, si tratta di materie in continua evoluzione normativa che, fin dall’inizio, van considerare soggette a modifiche anche sostanziali.
Metti mi piace alla nostra pagina facebook sarai aggiornato anche tramite i social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *